SAI

Slide

Progetto SAI (ex SPRAR/SIPROIMI)

Il Sistema di Accoglienza e Integrazione – SAI (ex SPRAR/SIPROIMI) è costituito dalla rete degli enti locali che per la realizzazione di progetti di accoglienza integrata accedono, nei limiti delle risorse disponibili, al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo ed è presente su tutto il territorio italiano.

A livello locale il SAI si avvale della collaborazione tra gli enti locali e le realtà del terzo settore per garantire interventi di “accoglienza integrata” che prevedono la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico.

In Valle d’Aosta il progetto SAI ha preso avvio grazie alla volontà di tre comuni – Saint-Vincent, come ente capofila, Saint-Rhemy-en-Bosses e Champorcher – ed alla collaborazione come ente gestore del Consorzio Trait d’Union (la cooperativa coinvolta nella gestione è L’Esprit à l’Envers). Il sistema SAI presenta alcune caratteristiche specifiche che lo connotano e che possono essere così brevemente riassunte:

  • L’ente locale è titolare del progetto;
  • Il numero di persone che possono essere accolte nel servizio viene stabilito e parametrato in base alla popolazione del comune sede del progetto di accoglienza;
  • Tutti i servizi attivati vengono rendicontati e si attengono ad un manuale operativo che determina le aree di intervento previste;

Nel progetto SAI sono previste, oltre ad attività di accompagnamento sociale finalizzate alla conoscenza del territorio e all’effettivo accesso ai servizi locali, anche corsi di lingua italiana e professionalizzanti, nonché il supporto per la ricerca e l’attivazione di percorsi lavorativi e l’accompagnamento verso l’autonomia abitativa.

L’obiettivo a cui tutto il Sistema tende è quello di accompagnare ogni persona accolta lungo un percorso di (ri)conquista della propria autonomia. L’inserimento nel servizio SAI viene previsto, nella maggior parte dei casi, per le persone richiedenti e titolari di protezione internazionali e prevede la realizzazione di progetti mirati di 6 mesi.

L’ammissione ai centri di accoglienza del Sistema SAI è disposta dal Servizio Centrale su segnalazione dei singoli progetti territoriali o di enti terzi (prefetture, questure, servizi).

Michele – una storia di accoglienza a Saint-Rhemy-en-Bosses

Contatti

Coordinatore
Olimpia Negro (olimpia.negro@lespritalenvers.org | +39 0165 40294)



©2021 Copyright L'ESPRIT A L'ENVERS | C.F. e P.IVA 00603500075